Skip to content Skip to footer

Una Terra antica

17,00

Autore: Ulderico Bernardi
Collana: Il Rosone (narrativa italiana)
Formato: 14×22
Pagine: 384
ISBN 9788897210306

Spedizione standard € 6.00
Per ordini superiori a € 30.00 la spedizione è gratuita.
Per le spedizioni fuori dall’Italia, vi invitiamo a contattarci prima di procedere all’acquisto. Scriveteci a: info@bottegaerranteedizioni.it
Tutte le spedizioni vengono effettuate tramite corriere espresso (1-2 giorni).

Informazioni aggiuntive

Categorie: , Product ID: 747

Descrizione

Ulderico Bernardi impegna i suoi pedoni, le sue torri, i suoi alfieri, i suoi fulgidi cavalleggeri, fino a dare scacco matto al re, nel disegnare, in maniera agile e documentata, le mappe di una scacchiera poderosa. Una Terra antica parte da Ob Terg, la Oderzo venetica; si sofferma su Opitergium, la metropoli di terra del Nordest romano; indugia su Attila e sui Longobardi; consolida l’opinione che i primi fondatori di Venezia fossero opitergini, esuli dalla loro città distrutta. Il libro si allarga sulla Oderzo veneziana e rinascimentale; lo scrittore si intrattiene sulla Oderzo austriaca del Lombardo-Veneto, poi su quella risorgimentale e italiana, dove primeggia la figura di nonna Italia, donna orgogliosa della sua identità patriottica. A questo punto l’Autore intreccia la grande storia con le vicende della propria famiglia. Esplora l’emigrazione opitergina di fine Ottocento, diretta soprattutto verso le terre del Mato brasiliano; delinea l’aspra invasione austro-tedesca. Poi la sua penna si fa incalzante a tracciare, con accenti toccanti, l’integerrima figura del padre, Arrigo, fascista mazziniano che sarà ucciso da partigiani locali il 24 marzo 1945, rivelandoci con un documento inedito i loro nomi. Con un’indagine limpida, rende conto del feroce eccidio di Oderzo (fine aprile-primi di maggio del 1945), uno dei misfatti più gravi commessi dalla resistenza stalinista italiana. La scacchiera si distende quindi a coprire il lungo dopoguerra democristiano, a puntualizzare l’epopea del riscatto economico-sociale dei metalmezzadri (neologismo dell’Autore) negli anni sessanta; il volume si chiude con l’auspicio che Oderzo e il suo territorio diventino parte peculiare di una regione agropolitana. Bernardi ha dunque edificato un’opera vasta e avvincente sulla sua meravigliosa Terra antica; lo ha fatto con una lingua che è narrativa e poetica insieme, attenta agli avvenimenti ma più ancora alle persone: dentro ci sono soprattutto le ragioni del cuore e della Tradizione viva.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Una Terra antica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.