Skip to content Skip to footer

Le fiabe del vecchio Reno

16,00

Autore: Clemens Maria Brentano
Traduttore: Rosella Franceschini
Collana: Il Rosone (narrativa straniera)
Formato: 14×22
Pagine: 312
ISBN 9788886496810

Spedizione standard € 6.00
Per ordini superiori a € 30.00 la spedizione è gratuita.
Per le spedizioni fuori dall’Italia, vi invitiamo a contattarci prima di procedere all’acquisto. Scriveteci a: info@bottegaerranteedizioni.it
Tutte le spedizioni vengono effettuate tramite corriere espresso (1-2 giorni).

Informazioni aggiuntive

Descrizione

Le fiabe del vecchio Reno narrano le incredibili avventure del buon mugnaio Corrirota che abita in un mulino solitario lungo le rive del Reno. Il maestoso fiume, che si snoda a tratti tranquillo e a tratti impetuoso, è il leitmotiv della raccolta che tiene unite le quattro fiabe («La fiaba del Reno e del mugnaio Corrirota», «La fiaba del casato di Montestorno e degli antenati del mugnaio Corrirota», «La fiaba di Marmottina» e «La fiaba del sarto Ammazzasette in un colpo solo») come le perle di una preziosa collana. In questa cornice si apre un mondo meraviglioso, dominato dalla magia e dall’incanto, popolato da ondine, tritoni, animali parlanti, e da personaggi fiabeschi a tutto tondo. Nella prima fiaba è il padre Reno in persona a sospingere la bella principessa Ameleya tra le braccia del mugnaio Corrirota; poi, benevolo e affettuoso, custodirà nel suo castello subacqueo la dolce Ameleya e i bambini di Magonza finché non saranno liberati. Nella seconda fiaba s’innesta la tradizionale leggenda della Loreley, frutto della fantasia di Brentano e resa immortale dalla celebre poesia di H. Heine. La ninfa, che si scopre a sorpresa essere la madre di Corrirota, siede sulla rupe presso St. Goar pettinandosi i lunghi capelli, mentre il ricordo dell’amato Reno sostiene il mugnaio nella ricerca dei suoi antenati. Nella fiaba di Marmottina, Loreley è un’incantevole ondina viaggiatrice, è la figura archetipica dell’aiutante che giunge in soccorso dell’infelice fanciulla vessata dalla matrigna e dalla sorellastra. Lo stile poetico e la musicalità di questi racconti sono impreziositi da canti e versi che si mescolano a miti e tradizioni popolari, talvolta con punte di sarcasmo e allusioni parodistiche, come nella fiaba del sarto Ammazzasette. L’opera è attraversata da un filo luminoso ininterrotto, quello del romanticismo aurorale, e da una visione della vita dove non manca mai un rassicurante lieto fine. Rossella Franceschini

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le fiabe del vecchio Reno”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.