Skip to content Skip to footer

Capodanno con Balzac

17,00

La Germania non può essere compresa senza Wolfgang Kohlhaase. Frankfurter Rundschau

Con la sua arguzia, la sua malinconica brillantezza e il suo impatto romanzesco, questo volume di storie è semplicemente un capolavoro. Süddeutsche Zeitung

Siamo di fronte a uno dei più importanti sceneggiatori della storia del cinema tedesco e a un grande narratore. Der Spiegel

Autore: Wolfgang Kohlhaase
Traduttore: Giuliano Geri
Postfazione: Matteo Galli
Collana: Radar / 1
Anno: 2021
Pagine: 240
ISBN 979-12-80219-31-2

Informazioni aggiuntive

Peso 0,2 kg
Dimensioni 13 × 1 × 20 cm
COD: 9791280219312 Categorie: , Tag: , , , , , , , , Product ID: 323

Descrizione

Si procede, storia dopo storia, dentro alle immagini di una Berlino che Kohlhaase conosce a menadito e di cui riesce a restituire il sound, l’odore e le inflessioni. Dentro questi racconti, che letti uno dopo l’altro appaiono come un romanzo, troviamo la DDR, il nazismo, la capitolazione della Germania, il dopoguerra, ma tutto procede attraverso il racconto di vite minime, in una sorta di estetica del quotidiano in equilibrio fra microstoria e macrostoria. Tredici short stories, avvolgenti come il fuoco in una notte d’inverno, che si muovono con passo deciso andando a scavare dentro il lato più profondo e nascosto dell’animo umano.

Da questa raccolta è tratta la sceneggiatura del film “Lezioni di persiano“, regia di Vadim Perelman (2020).

WOLFGANG KOHLHAASE

Nato a Berlino nel 1931, ha lavorato come drammaturgo, scrittore, sceneggiatore e regista freelance. Il film Solo Sunny (1980), da lui diretto, è uno dei film culto della DDR. Grandi successi sono stati L’estate davanti al balcone; In tempi di luce calante; Quando si sognava. Wolfgang Kohlhaase ha ricevuto numerosi premi, tra cui tre premi nazionali della RDT, l’Orso d’Oro Onorario alla Berlinale e la Lola dell’Accademia del cinema tedesco per il lavoro della sua vita. Vive e lavora vicino a Berlino.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Capodanno con Balzac”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.